Il consumo del corpo. Esercizi fenomenologici di uno psichiatra sulla carne, il sesso, la morte

Il consumo del corpo. Esercizi fenomenologici di uno psichiatra sulla carne, il sesso, la morte

di Lorenzo Calvi

"Libero dai pregiudizi delle teorie e del senso comune, Calvi centra perfettamente, a mio avviso, quello che fu l'elemento essenziale dell'interpretazione della fenomenologia resa da E. Paci: la natura complessa del soggetto, l'intreccio inscindibile di intenzionalità e corporeità, il tratto costitutivamente ambiguo della corporeità medesima, sulla cui soglia il proprio e l'estraneo, l'interiorità e il mondo, l'espressione comunicativa e l'incomunicabilità patologica continuamente si confrontano e si confondono, si richiamano e si escludono, si evocano e si respingono, in un orizzonte mobile e mai definitivamente risolto di vicende e di avventure che, dalla nascita alla morte, accompagnano l'esperienza e la vita di tutti. [...] L'esercizio fenomenologico è una messa in questione "sempre di nuovo" dei limiti dell'umano. Calvi dimostra di avere l'arte di applicare tutto questo all'incontro con il disagio mentale. I casi clinici illustrati in questo libro, con grande finezza e perspicacia, testimoniano da soli dell'altezza del livello scientifico e umano al quale il lavoro di Calvi è nel tempo pervenuto". (Dalla prefazione di Carlo Sini)

  • Editore: Mimesis
  • Categorie: Medicina
  • Edizione: 2007
  • Collana: Daimon
  • Ean: 9788884835666
  • Pagine: 200 p.
  • In Commercio Dal: 07/05/2007